La letteratura trova spazio a Verona

Libri “On the Road”: scrittori al Motor Bike Expo
La passione per le due ruote si manifesta in molti modi: a Verona spazio a scrittori e lettori amanti della moto

La letteratura trova spazio a Verona

11 gennaio 2016

Chi l’ha detto che la passione per la moto non si possa vivere anche comodamente seduti in poltrona? Quando il freddo invernale imperversa fuori dalle finestre, cosa c’è di meglio che trascorrere un pomeriggio rannicchiati al calduccio (o, perché no, in spiaggia sotto l’ombrellone!), leggendo storie di personaggi legati al mondo delle due ruote, oppure resoconti di viaggi epici?

A Verona, durante il Motor Bike Expo, tra gli appuntamenti da non perdere ci sono due eventi di carattere letterario.
Si comincia con la presentazione, in anteprima nazionale, del libro “The Wild Ones” presso lo Stand della Casa Editrice Custom (Pad. 2).
La pubblicazione racconta la vera storia dei primi Bozefighters MC: la vicenda “documentata” che ispirò il film cult "Il Selvaggio" con Marlon Brando, avvenimenti che sono alle origini della stessa cultura dei club “1%”.
Con Cinquanta fotografie e interessanti testimonianze storiche, il libro è stato scritto da Bill Hayes, con introduzione di Dave Nichols di Easyriders Magazine ed è stato tradotto in italiano da Alessandro Rizzo (info@editricecustom.it).

Sabato 23, alle 14, presso il Padiglione 1, Motor Bike Expo incontrerà poi un vecchio amico, la cui presenza è divenuta ormai una piacevole costante durante MBE: Roberto Parodi presenterà al pubblico veronese la sua ultima fatica letteraria, dal titolo La moto spiegata a mio figlio (TEA Libri).
“Ci sono molti modi di vivere la moto – spiega lo stesso autore - tanti quanti sono i modi di vivere la propria vita: credo che la cosa più bella del mondo sia condividere le proprie convinzioni con qualcuno a cui si vuole bene, e la moto può essere il mezzo perfetto per farlo, perché in definitiva è un modo molto piacevole per imparare a crescere e ci permette di essere noi stessi al cento per cento. Così, ho scritto questo libro per raccontarvi alcune cose che ho cercato di imparare vivendo con passione la moto: l’umiltà, l’amicizia, la fiducia nel prossimo, la diligenza, l’attenzione, ma anche l’ottimismo, la tenacia, il coraggio e soprattutto la consapevolezza che se davvero si è dato il massimo, alla fine una soluzione si trova sempre, qualunque sia il problema.”
Ancora grazie e ci vediamo a gennaio” (Roberto Parodi)