Harley-Davidson, prime novità 2016: Pro Street Breakout e Low Rider S

Harley-Davidson, prime novitÓ 2016: Pro Street Breakout e Low Rider S

8 febbraio 2016

La gamma Harley-Davidson si arricchisce di due nuovi modelli: arrivano le nuove CVO Pro Street Breakout e Low Rider S. La Pro Street Breakout è realizzata della divisione Custom Vehicle Operations (CVO) di H-D ed è un modello in produzione limitata, che sfoggia un look dark, con finiture all'avanguardia e grande attenzione al design e ai dettagli. Caratterizzata dalla personalità “drag racer”, sfoggia un look allungato e robusto. La Low Rider S (nella foto a lato) è la versione più spinta della sorella “base”, grazie al motore Screamin' Eagle Twin Cam 110 da 1.800 cc, ed è caratterizzata da un look total black, ma con cerchi oro, sella monoposto e codino corto. Scopri tutti i particolari e le immagini della CVO Pro Street Breakout e della Low Rider S...

Altrimenti Viaggi in moto
Condividete la pagina sui vostri social

Mph Toys Garage

Harleysti festeggiano il compleanno e fanno solidarietà

Harleysti festeggiano il compleanno e fanno solidarietÓ

8 feb - Il gruppo novarese 'Nrb' (una compagnia di harleysti che ha un sogno nel cuore: aiutare i bimbi facendo tanto rumore) ha raccolto cinquemila euro che saranno donati a due associazioni. Ha festeggiato domenica al Lord Byron il suo primo compleanno NRB Friends, il gruppo di Harleysti ha compiuto un anno e per l'occasione ha raccolto 5 mila euro di offerte che ha devoluto in beneficenza a due associazioni, quella che si cura della ricerca sul neuroblastoma e 'Aiutiamo Edo' (il ragazzino di Novara rimasto vittima di un incidente domestico e che ora è affetto da tetraplegia spastica). Il prossimo appuntamento per gli harleysti 'gentiluomini' sarà il 24 aprile quando è in programma un moto giro che, partendo da Novara, toccherà Borgomanero, Briga Novarese e Arona per poi terminare a Meina. (Articolo La Stampa) Link al gruppo NRB...

bad boys garage Garage

Macchine industriali luminose

Macchine industriali luminose

1 feb - Le 'macchine industriali luminose' sono un progetto di 'Pressione Zero'. Un'esclusiva gamma di lampade di produzione artigianale composta da oggetti unici, per le caratteristiche che li contraddistinguono e per la scelta di non produrli in serie: ogni elemento è prodotto a mano in esemplare singolo e numerato. Clicca sulla foto per le immagini. Il sito web è ancora in preparazione (www.pressionezero.com) ma li trovate su Facebook.

  

La vignetta bikers

La vignetta bikers

5 anni con l'americana, racconti di viaggio in sella ad una Harley-Davidson

5 anni con l'americana, racconti di viaggio in sella ad una Harley-Davidson

28 gen - “5 anni con l'americana” sono racconti di viaggio scritti da Piergiovanni Ceregioli. Il libro, free to read, lo abbiamo scovato sul canale Issuu, dove generalmente si pubblicano riviste e brochure. La prima edizione è stata scritta nel 2012. Non abbiamo avuto il tempo di leggere le 166 pagine per farvi una recensione, ma quando si parla della nostra amata moto ogni racconto è degno di lettura... a voi il giudizio. Andate nel Village...

Mooneyes & Hot Rod Custom Show

Mooneyes and Hot Rod Custom Show

25 gen - Il 24° Annual Yokohama Hot Rod Custom Show 2015 si è svolto lo scorso 6 dicembre a Yokohama, in Giappone. Il tempo era perfetto e l'intera giornata era incredibile sia all'interno della sala eventi che al di fuori dell'area. Il successo dell'evento continua come la grande affluenza di pubblico. Statistiche: 15.000 spettatori, di cui oltre 1.500 da oltreoceano e 250 mezzi esposti. Ben 300 show car e 650 show bike, 270 stands, 30 Artisti e 50 Pinstripers, 40 Modellisti, 80 partecipanti al Paint Contest “Sidewalk Surfing Bonanza”. Totale Premi consegnati: 100. Guarda le foto del reportage ufficiale. In basso in questa pagina trovate anche un video.

I nostri canali social:
Fan   Group      

Harley-Davidson 17-T Board Track Racer del 1917

Harley-Davidson 17-T Board Track Racer del 1917

4 feb - L'Harley-Davidson Model 17-T del 1917 era la Ducati Panigale del suo tempo, era stata specificamente progettata da Harley-Davidson come moto da corsa ed era destinata a competere su terreni sterrati, erba o circuiti di board track dell'epoca. Ogni 17-T era dotata di un motore V-Twin F-Head da 1000cc (61 pollici cubici) a 3 velocità. Un anno prima, nel 1916, il modello aveva adottato un serbatoio dal design curvo, in contrasto con i serbatoi con i lati piatti fino a quel momento usati. La costruzione del Model 17-T era relativamente semplice, il telaio era un unico tubo, comune negli anni formativi delle motociclette. La sospensione anteriore era minima, la sospensione posteriore e i freni non esistevano, le marmitte non erano state ancora inventate. Guarda la photogallery... 

Assicurazioni per moto Harley-Davidson

Collezione Uomo Harley-Davidson Black Label Core: casual con carattere

Collezione Uomo Harley-Davidson Black Label Core

1 feb - Classico e contemporaneo si fondono per dare vita a capi versatili e senza tempo che non perdono però quello stile autentico proprio del dna di Harley-Davidson. Tagli slim e linee aderenti caratterizzano la Collezione Uomo Black Label Core. Giacche, felpe, camicie che offrono il massimo dello stile e della funzionalità. Una collezione casual ma dal forte carattere, per mostrare la tua personalità anche quando non sei in moto! Guarda la selezione di capi...

Hugo V Photography Photogallery

Hugo V Photography

28 gen - Il suo nome è Hugo Velazquez. È un fotografo freelance che vive a Omaha, in Nebraska. Fin da bambino è stato affascinato della fotografia e ora effettivamente riesce a creare le sue opere d'arte attraverso l'obiettivo. La sua passione maggiore sono le belle donne tatuate, numerose, infatti, le sue foto pubblicate sui più importanti Tattoo Magazine. È un tipo aperto a nuove idee e progetti stimolanti: «Le possibilità sono infinite e mi spingono a creare l'arte e la fotografia con amore», è quanto afferma. Scopritelo nella nostro Village...

Concluso il Motor Bike Expo 2016: affluenza al top

Motor Bike Expo 2016

25 gen - Si è chiusa l'edizione 2016 del Motor Bike Expo di Verona che, con oltre 150.000 visitatori, supera il risultato della passata edizione e si conferma cuore pulsante del mondo custom a livello internazionale e dell'universo-moto. Complessivamente Motor Bike Expo 2016, al quale hanno partecipato i principali marchi dell'industria mondiale del motociclismo, ha visto la presenza di ben 600 espositori ma è stato animato da oltre 70 appuntamenti in tre giorni tra esibizioni, show, confronti e scuole guida nelle aree esterne, e presentazioni, premiazioni, meeting e incontri (anche con gli studenti) che hanno spaziato dal custom allo sport passando anche per l'approfondimento tecnologico ed industriale, il sociale e le forme espressive ed artistiche legate alla galassia delle due ruote. Il settore delle special si è confermato leader tra le offerte del Motor Bike Expo: in questa edizione il pubblico ha potuto ammirare addirittura 200 moto, realizzate dai customizer più premiati e noti al mondo, provenienti da tutta Europa, special guest USA e Kuwait. Leggi il comunicato stampa oppure vedi il Reportage...

Dalla FEMA nuove regole europee per l'attrezzatura motociclistica

nuove regole europee per l'attrezzatura motociclistica

24 gen - Fin'ora solo guanti, stivali e protezioni antiurto erano visti come dispositivi di protezione ed hanno dovuto soddisfare determinati standard. Ieri il Parlamento europeo ha deciso di includere tutta l'attrezzatura moto in nuove regole per la protezione individuale. Ciò significa, che nel giro di pochi anni tutta l'attrezzatura da moto che viene venduta in Europa dovrà rispettare gli stessi standard di sicurezza. Dovrà fornire una quantità minima di protezione contro l'abrasione e l'impatto.
Leggi tutto...

Valvoline
Linea Mcj: Scarichi moto custom, Borse Harley, Accessori moto
Alessandro Starace Design
Rebuffini

La moto, dati alla mano, Ŕ pericolosa!

7 feb - È una novità? Nel 2014, con 37 milioni di autovetture circolanti contro 6 milioni e mezzo di moto, gli incidenti sono stati 177.031 che hanno provocato la morte di 3.381 persone (entro il 30esimo giorno) e il ferimento di altre 251.147. Nel 2014 si sono registrati 1.491 decessi tra conducenti e passeggeri di autovetture, seguono motociclisti (704), pedoni (578), ciclisti (273), occupanti di autocarri e motrici (159), ciclomotori (112) e altre modalità di trasporto. In sostanza circolano sei aiuto ogni moto, ma le vittime di incidenti, come vedete, non hanno lo stesso rapporto. Tra moto e ciclomotori le vittime sono state ben 816 contro le 1491 delle quattro ruote. Inoltre, nel tempo, in Europa, le vittime sulle due ruote tendono a diminuire in misura minore rispetto all'andamento della mortalità dovuta all'incidentalità stradale in generale (fonte ANIA).

Multa anche per chi guida lento

4 feb - In città o in autostrada non esistono solo i limiti massimi di velocità, ma anche quelli minimi che, se non fissati dall'ente titolare della strada, devono essere valutati caso per caso, in base alla circolazione. In linea generale il codice della strada fissa dei limiti massimi di velocità in base al tipo di strada e al tipo di mezzo: Autostrade 130 km/h; strade extraurbane primarie 110 km/h; strade extraurbane secondarie 90 km/h; città (strade urbane) 50 km/h. Se ne parla poco e non Ŕ certo abitudine degli italiani infrangere i limiti minimi di velocità. La segnaletica è costituita da un cartello circolare blu. Se l'ente proprietario della strada non ha fissato i limiti minimi di velocità la norma che il conducente non deve circolare a velocità talmente ridotta da costituire intralcio o pericolo. È in contravvenzione anche chi guida lento in corsia di sorpasso.

Gli indicatori di direzione? A rischio di estinzione

25 gen - Sono sempre di meno coloro che usano gli indicatori di direzione, le cosiddette frecce, quando devono girare a destra o a sinistra. Un malcostume che oramai si è allargato a macchia d'olio e che un'inchiesta dell'ASAPS ha purtroppo confermato con numeri precisi. Dei 1000 automobilisti presi in esame, soltanto il 36% (circa) pari a 362 conducenti, ha regolarmente utilizzato l'indicatore di direzione quando previsto, cioè soltanto un terzo degli osservati. Dei restanti 638 conducenti, pari al 64% (circa), dell'obbligo di utilizzare l'indicatore nemmeno l'ombra. L'indagine è stata effettuata in 5 città italiane: Torino, Varese, Bologna, Roma e Napoli ed ha preso in esame 700 conducenti in transito sulla viabilità ordinaria e 300 su quella autostradale. Dati poco consolanti, se quasi il 62% ha ritenuto superfluo l'uso della “freccia”.

8 feb - Un mini film su Dustin Kott, un customizer californiano specializzato in moto custon in stile British Cafe

4 feb - Un breve filmato su un uomo, la sua moto e il miglior amico dell'uomo... e la pubblicità del BORN FREE motorcycle show